Testaccio - ROMAINMOVIMENTO

Vai ai contenuti
Rioni

Roma in movimento
Testaccio -
Archivio storico di memoria urbana e sociale

Il nome deriva dal cosiddetto monte ( mons Testaceus ): 35 metri di cocci ( testae ) e detriti vari accumulatisi nei secoli come residuo dei trasporti che facevano capo al porto di Ripa Grande (Emporium). Il porto dell’Emporio funzionava fin dall’epoca romana ed era il punto d’approdo delle merci e delle materie prime ( per lo più marmi, grano e vino ) che, giunte via mare dal porto di Ostia, risalivano il Tevere su chiatte rimorchiate dai bufali. Nei secoli, i cocci di anfore (circa 25 milioni di anfore ), che erano i contenitori per movimentazione di grano e alimenti liquidi, si accumularono a montagnola. I marmi che diedero il nome alla Via Mormorata erano quelli che i Romani importavano dalle zone orientali fino alla fine dell’impero. Scorporato nel 1921 dal rione Ripa, era un rione assolutamente popolare, da sempre luogo di svago e scampagnate, culla dell’A.S.Roma con il suo campo di calcio e sede della Scuola Popolare di musica.

AREA FOTO

AREA VIDEO

Mirella Casaniga del Centro Anziani di Testaccio, racconta… (parte prima)
Il signor Franco, del Centro Anziani di Testaccio, racconta…
Il signor Gianfranco del Centro Anziani di Testaccio racconta…
La signora Germana del Centro Anziani di Testaccio racconta…
La signora Nadia del Centro Anziani di Testaccio racconta...

TESTIMONIANZE E INTERVISTE

Torna ai contenuti